I prodotti surgelati senza glutine

prodotti surgelati senza glutineParola d’ordine export. Partecipando all’Anuga, una delle più apprezzate fiere internazionali del food, Garbo Surgelati punta all’apertura di nuovi mercati internazionali.

L’azienda di Bracciano ha infatti recentemente ampliato la gamma con una nuova linea di prodotti surgelati senza glutine, si tratta di una linea di golosi prodotti pastellati e panati “Gluten free” che comprende dieci referenze. Per poter avere dei prodotti idonei al consumo dei celiaci è necessario che le aziende produttrici applichino un corretto piano di controllo delle materie prime e del prodotto finito; inoltre occorre monitorare costantemente il processo produttivo, gli ambienti di lavoro, le attrezzature, gli impianti e formare adeguatamente gli operatori.(Fonte AIC) L’azienda ha infatti inaugurato il nuovo stabilimento a Formello (Roma) che verrà adibito esclusivamente alla produzione di prodotti freschi e surgelati senza glutine. Il nuovo impianto, entrato a regime in primavera, si aggiunge allo stabilimento già esistente, arrivando a 19.000 mq. totali di area produttiva e permetterà all’azienda di ampliare il mercato italiano e di potenziare l’export, per il quale è stato organizzato un apposito ufficio che avrà l’obiettivo di penetrare i mercati USA, Cina, Giappone ed Emirati Arabi.

“Il nuovo stabilimento, la nuova linea produttiva per il senza glutine e la creazione di un ufficio export rappresentano la conclusione di un piano di investimenti che ha impegnato l’azienda per circa due milioni di euro – commenta Andrea Comanducci, fondatore e titolare della Garbo Surgelati – nel mese di giugno 2015 verranno effettuate le prime consegne e parteciperemo alla fine dello stesso mese alla fiera Fancy Food di New York, una delle più importanti manifestazioni fieristiche internazionali del “food”.

Un ex carabiniere al comando dell’azienda
Andrea Comanducci iniziò nel 1991 a lavorare a mano i fiori di zucca, artigianalmente, in un piccolo laboratorio di 50 metri quadrati, prodotto pronto della tradizione romana che non esisteva in commercio fino a quel momento nei canali di vendita della distribuzione organizzata. La sua è stata una scelta importante visto che per seguire la passione del cibo di qualità abbandonò il suo incarico all’Arma dei Carabinieri. La scommessa però si rivelò vincente. La crescita aziendale unita alla passione è stata vigorosa, tanto che a soli due anni di distanza dall’esperienza artigianale, Andrea Comanducci ha realizzato il primo processo di industrializzazione, progredito fino a far diventare Garbo l’azienda leader di mercato nel Lazio prima e in Italia poi.

Chilometro zero e canali di vendita
La pastellatura e la farcitura dei fiori di zucca, circa 150 mila pezzi al giorno, avviene ancora oggi esclusivamente a mano, con ingredienti naturali e senza alcuna aggiunta di coadiuvanti chimici.
Gli acquisti delle materie prime vengono effettuati nelle pianure dell’Agro Pontino permettendo all’azienda un controllo diretto sulla qualità delle forniture e riducendo notevolmente i passaggi della filiera produttiva. I canali di vendita dei prodotti surgelati e dei nuovi prodotti surgelati senza glutine della Garbo sono rappresentati per il 25% dalla grande distribuzione organizzata e dal 60% nell’Ho.Re.Ca. In netta crescita anche l’attività di copacker che sta impegnando l’azienda come partner qualificato per la produzione private label. La scelta di ampliare la gamma con prodotti senza glutine rappresenta per questa azienda una nuova frontiera che negli ultimi mesi ha già fruttato ordinativi internazionali.

Prodotti surgelati senza glutine